BTEC Lev. 4/5

Regolamento per la corretta pianificazione ed attuazione del format: BTEC Livello 4-5

Pianificazione della verifica interna e strumenti didattici:

1. redazione del piano esami competente alle finalità del corso

2. strumenti d’esame corretti e giusti nelle modalità didattiche

3. le decisioni di scrutinio sono congiunte alla pertinenza degli obiettivi formativi

4. i docenti sono idonei alla standardizzazione del programma di studio

5. verificazione in anticipo alla consegna del programma degli “assignment brief”

6. ogni singola Unit deve attraversare la procedura della verificazione interna

 

Rapporto con gli studenti:

1. struttura del programma (come e quando le prove d’esame)

2. esposizione degli obiettivi formativi

3. disposizione dei grading criteria

4. pertinenza del livello di formazione

5. indicazioni precise sulle proposte didattiche ed esami

6. giusto bilanciamento fra i criteri d’esame e la loro collocazione nelle valutazioni

7. natura della vocazionalità dei lavori

8. responsabilità: puntualità nelle consegne, opportunità di collaborazioni

9. ruoli nella discussione di recupero di una valutazione

10. procedura d’appello

 

Regole di riammissione del voto

Nella modalità di un voto insufficiente, il docente deve assicurarsi che lo studente possegga i requisiti necessari al recupero dello stesso. Un report scritto potrebbe all’occorrenza ritenersi indispensabile.

Dopo essersi assicurati che la data di consegna e ritiro del compito risultino corrette formalmente, allo studente viene riservata la possibilità di ottenere un recupero della valutazione contestata. Il contenuto del compito non deve cambiare ed all’interno del form può comparire anche solo in “grade Pass”. La procedura dell’appello deve ritenersi identica alla sua prima consegna originale.

Il programma di recupero deve vedersi avvallato dal Verificatore interno, e non deve contenere delle modalità che possano “avvantaggiare” lo scrutinato.

Il periodo consigliato per la programmazione della procedura d’appello, non deve superare il numero di 15 giorni dalla correzione del compito.

La Direzione Didattica